domenica 27 settembre 2009

Settimana dal 21 al 27 settembre

Settimana travagliatissima.
Dopo la buona riuscita del giro del Lago di Bracciano di domenica scorsa questa settimana è passata malissimo.
Da Lunedì è uscito fuori un raffreddore, mal di gola e debolezza generale che mi hanno fatto veramente preoccupare. Martedì ero completamente chiuso e d'accordo con The Coach Luciano ho sospeso l'attività. Mercoledì mattina, complice anche una nottata in bianco per cena fuori mal riuscita e peggio digerita, è arrivata anche la febbre. Niente di che, ma un 37,5 °C che aumentava il senso di spossatezza generale. Ho attaccato con Tachipirina prima, poi aspirina e aerosol fino a venerdì. Nel frattempo niente corsa. Lo spettro della " Suina" che aleggiava. ( la febbre!!! non una bella maiala!)
Sabato per fortuna la situazione è definitivamente migliorata e stamattina ho deciso comunque di fare il Lungo.
In fondo tra tutti i lavori della settimana questo era il meno impegnativo mentalmente. Parto di buon ora direttamente da casa. Scelta che faccio raramente quando decido di andare verso il centro di Roma perchè la Cassia al ritorno è tutta in salita.
Il lungo di 2 ore e 50 però mi ha obbligato a non sprecare troppo tempo per i trasferimenti in macchina.
La corsa come si vede dalla tabella è andata abbastanza bene anche se molto lontano dalle sensazioni di sicurezza della scorsa settimana. Ho fatto un po di casino con il garmin per cui mancano almeno 4 km al totale perchè non ho riavviato il cronometro dopo una bevuta. Quindi al risultato finale vanno aggiunti altri 20 min e 4 km di corsa in più. Al ritorno poi la salita di sgaravatti me la sono fatta camminado per non stressare le gambe. Ho perso i lavori veloci ma il "fondo" sembra tenere. Qesta sarà la settimana di fuoco. Da domani si ricomincia a palla.



Due artisti del Malì Amadou et Mariam . Musica africana e chitarre elettriche.

8 commenti:

the yogi ha detto...

succede a molti, dopo uno sforzo intenso le difese immunitarie si abbassano... ma chi t'ammazza, a te! ;)

er Moro ha detto...

Ottimo lungo...Ottimi gusti musicali!
Concordo con Yogi: ma chi t'ammazza a te! ;)

GIAN CARLO ha detto...

Forse un leggero calo adesso ti indurrà a partire un po' piano e sarà meglio

Karim ha detto...

Sono bravissimi quei due. Sempre del Mali, Ali Farka Touré, Salif Keita e Oumou Sangaré. Questi ultimi due li ho conosciuti personalmente durante una missione a Bamako.
Bene che ti è passata la maiala...

Marco Bucci ha detto...

Una settima di stop non pregiudica assolutamente nulla... e meglio adesso che dopo.
Prendila cosi' : adesso sei immunizzato... e non ci ricadi.
Come hai potuto constatare, la forma non sparisce, anzi... a volte si riparte anche meglio.
Adpettati magari un po' di herpes labiale (se l'hai avuto in passato) che fa parte dello stress psicofisico della maratona...
Aaaah.. che non si fa per la Mara....!!!

Stefano ha detto...

@ The Yogi
Hai ragione. Anche io ho pensato a quello. Ho superato la soglia del buon senso e l'organismo si difende. Tutto serve di lezione speriamo di imparare per il futuro.

@ er moro
Il lungo è andato meno bene di quello che sembra ma al 70 % ha dato risultati positivi. facile che m'ammazzo da solo se non finisce sta storia e corro sta maratona al più presto.

@ Giancarlo
La tua esperienza mi conforta. Mi spaventa sempre la prospettiva di correre più veloce la seconda parte. Per ora non ci sono mai riuscito, speriamo sia la volta buona.

@ Karim
Vado subito su Youtube a cercarmi i tuoi suggerimenti musicali. Quante cose ancora da scoprire. Non si finisce mai.
La maiala mi ha preso di striscio. Per ora è andata. Ste maiale sono sempre più rare...................almeno per me!

Stefano ha detto...

@ Marco
Sembra che non sia stato un guaio irreparabile, infatti!
Oggi ho fatto 2 serie da 10 x 200 mt in 42" rec 200 mt in 1' e non è andata malissimo.
Speriamo che l'herpes non arrivi, ma provvedo subito. Per la maratona si fa troppo. Magari avessi la forza di affrontare tutte le cose della vita con lo stesso impegno............però da questa esperienza sicuramente si impara molto su se stessi e sulle proprie capacità e limiti.

Master Runners ha detto...

Un bel lungo Ste, e come dice Marco, mejo prima che dopo!